Attendere prego...

Test Universitari Gratuiti

Odontoiatria
TEST gratuiti
Codice: ODL76

Logica

 Oggetti di legno dorato e cuoio, finissime decorazioni, frammenti di stoffe e i resti di un principe sciita e dei suoi cavalli seppelliti oltre 2300 anni fa: è l’eccezionale spettacolo che si è presentato, fra maggio e giugno 1999, agli archeologi al lavoro su un kurgan (tumulo sepolcrale) situato presso il villaggio di Berel, nei Monti Altai. L’Altai, è l’unico ambiente nel quale sia possibile la formazione di uno strato di permafrost in profondità, subito dopo l’inumazione. Questo strato ghiacciato preserva dalla decomposizione i resti che non subiscono alterazioni finché non intervenga un mutamento dell’ambiente circostante. Tombe di questo genere sono rare, ma ancor più eccezionale è il ritrovamento di una tomba ghiacciata intatta o scarsamente depredata, poiché sin dall’antichità i cercatori di tesori hanno sventrato i kurgan per impadronirsi di oggetti preziosi. Il kurgan era stato individuato nell’autunno 1997, ma lo scavo è stato avviato solo nell’agosto 1998. Dopo circa due mesi di scavi si è scoperto che, grazie al gelo, la conservazione era ottima, e che questa tomba principesca racchiudeva ancora materiali importanti. Lo smantellamento della camera funeraria e il prelievo del sarcofago sono stati documentati con registrazioni video e fotografie e con la descrizione e il disegno immediato dei reperti. Tutto il materiale è stato poi trasportato ad Almaty e sistemato nella camera frigorifera allestita nel laboratorio di restauro. I dati sono ancora in corso di elaborazione, ma è già possibile anticipare qualche risultato. In particolare, sorprende il fatto che il sarcofago contenesse due salme. Una doppia inumazione è una pratica funeraria inconsueta, ma gli studi in corso dovrebbero fornire nuovi dati per tentare di comprenderne le ragioni.
  1. La rarità della tomba ritrovata deriva anche:

    1. dalla struttura particolare della camera funeraria
    2.  dalla presenza dei cavalli seppelliti insieme al principe
    3. dal non essere stata depredata dei suoi tesori
    4. dal fatto che i reperti praticamente non necessitino di restauri
    5. nessuna delle alternative proposte
  2. Lo stato di conservazione della tomba:

    1. è dovuto allo strato di roccia calcarea presente in superficie
    2. ha permesso di ritrovare intatte quattro salme
    3. è dovuto allo strato di permafrost molto profondo formatosi subito dopo l'inumazione
    4.  è dovuto al fatto che essendo posizionata su un rilievo montuoso l'accesso è particolarmente impervio
    5. nessuna delle alternative proposte
  3. Gli studiosi, dopo aver prelevato i reperti dalla tomba:

    1.  hanno deciso di chiuderla fino al momento in cui sarà possibile trasformarla in un museo
    2. hanno scoperto che è posizionata sopra altre due tombe più antiche
    3. li hanno esposti in un museo di Mosca
    4. li hanno esposti in un museo di Mosca
    5. nessuna delle alternative proposte
  4. Il ritrovamento della tomba:

    1. è avvenuto in seguito a scavi iniziati circa un anno prima
    2.  è avvenuto nel 1998
    3.  è avvenuto nel 1997 dopo anni di scavi
    4.  è seguito ad un identico ritrovamento nella stessa zona di una tomba identica
    5. nessuna delle alternative proposte
  5. Parlare di volontariato oggi significa parlare di un fenomeno sempre più diffuso e sempre più di tipo associativo. La metà delle associazioni è piuttosto giovane, svolge il proprio intervento a livello di quartiere, ha tra i propri iscritti in prevalenza donne e in generale il grado di istruzione medio del volontariato è elevato rispetto alla media della popolazione. Il maggiore settore d'intervento dell'azione volontaria è quello socio-assistenziale, seguito da quello delle attività educative, sanitario, di tutela e promozione dei diritti. I destinatari maggiori del volontariato sono gli anziani, le famiglie in difficoltà, gli immigrati e i senza fissa dimora. L'impegno delle
    organizzazioni metropolitane si concentra con particolare attenzione sui problemi dell'emarginazione, assai diffusi e drammatici in queste aree. Sul piano nazionale emerge che il volontariato si sviluppa soprattutto nelle province caratterizzate da una generica condizione di benessere o in quelle che già dispongono di una rete efficiente di servizi. Per quanto riguarda le nuove forme di volontariato, merita di essere segnalata l'esperienza
    delle banche del tempo. Queste banche non sono un posto dove si deposita o si prende denaro bensì un luogo dove si offre e si riceve tempo (ad esempio un'ora di baby sitter viene scambiata con una lezione di informatica ecc.). I correntisti della banca del tempo non cercano solo la soddisfazione di alcuni bisogni concreti, ma più spesso occasioni di relazioni e socialità.

    Il volontariato è una realtà:

    1. sempre più diffusa
    2. che va estinguendosi
    3. che necessita del supporto delle istituzioni per diffondersi
    4. diffusa come fenomeno individuale
    5. nessuna delle alternative proposte
  6. La metà delle associazioni che si occupano di volontariato opera:

    1. nella provincia
    2. nei quartieri
    3.  nelle città del Sud
    4.  nelle città del nord
    5. nessuna delle alternative proposte
  7. Tra gli iscritti ad associazioni di volontariato troviamo soprattutto:

    1. disoccupati
    2. anziani
    3. immigrati
    4. uomini
    5. nessuna delle alternative proposte
  8. Qual è il settore principale d'intervento dei volontari?

    1. La Protezione civile
    2. La tutela dei diritti dei portatori di handicap
    3. L'assistenza sociale
    4. La tutela dei diritti degli immigrati
    5.  Nessuna delle alternative proposte
  9. Le associazioni di volontariato rivolgono i loro servizi in particolare:

    1. agli orfani
    2. agli anziani
    3.  ai portatori di handicap
    4. alle famiglie numerose
    5.  nessuna delle alternative proposte
  10. In particolare, nelle metropoli gli sforzi dei volontari sono concentrati:

    1. sui problemi legati all'immigrazione
    2.  sul problema degli alloggi
    3. sul problema dell'abbandono scolastico
    4.  sui problemi legati all'emarginazione
    5. nessuna delle alternative proposte