Attendere prego...

Test Universitari Gratuiti

Psicologia
TEST gratuiti
Codice: PSGCG27

Cultura generale

  1. ~~La funzione del francobollo è di affrancare la corrispondenza al fine di inoltrarla al destinatario, attraverso i servizi postali, pubblici o privati. Affinché possa espletare questa funzione è indispensabile che il francobollo rechi l’indicazione dell’autorità che lo ha emesso (indicazione che denota anche l’origine della corrispondenza affrancata) includendo anche una cifra relativa al suo valore facciale. In altre parole, il francobollo è un mezzo di comunicazione grafica latore di due messaggi, l’uno relativo all’autorità emittente, l’altro riguardante il suo costo, che è anche il costo della funzione cui è destinato.
    Costituito da un piccolo pezzo di carta dai contorni regolari, di formato rettangolare, quadrato o (raramente) triangolare (non interessa qui se il verso ne sia gommato o no, e neppure se i suoi margini siano dentellati o debbano essere singolarmente ritagliati con le forbici) il francobollo reca sulla sua faccia, eseguiti a stampa, i due messaggi che ne costituiscono gli elementi essenziali. In condizioni ideali, da cui fosse esente ogni elemento accessorio, dati costitutivi e funzione dovrebbero identificarsi. Ma tali condizioni vengono meno nella nascita stessa del francobollo, la cui genesi e la cui realizzazione ne comportano necessariamente una serie di scelte grafiche, tecniche e simboliche. Il tipo della stampa, i caratteri delle scritte e delle cifre, l’immagine con cui l’autorità emittente si dichiara, sono tutti dati da cui il bollo postale deriva una precisa posizione storica, ben più complessa di quel che sia implicito nel suo semplice atto di nascita. Ed è una posizione le cui radici assumono valori e legami culturali, divenuti via via più articolati con il diffondersi delle emissioni commemorative (di cui la più antica, dedicata al cinquantesimo anniversario dell’assunzione al trono della regina Vittoria, apparve nel 1887 nel Regno Unito d’Inghilterra) seguite poi da altri tipi, celebrativi di speciali occasioni, di avvenimenti di particolare significato politico, oppure relativi ad aspetti di costume e di arte, della fauna o della flora.
     Beninteso, non mancheranno certo occasioni in cui il francobollo (come la carta moneta) potrà presentarsi sotto aspetti di estrema concisione, con le indicazioni indispensabili ridotte al minimo; ma anche in casi siffatti (e infrequenti) saranno il tipo della carta, l’anonimità generica dei caratteri di stampa, la rozzezza dell’esecuzione a costituire le precipue componenti di stile e di connotati, denunciando anormali circostanze di crisi sociale o politica, dalle quali è stata preclusa la necessaria gestazione preliminare, la rosa delle scelte e la cura nel realizzarle.
       Provvisto di connotati così vari e complessi, di una carica semantica talmente ampia e di radici storiche e figurative tanto profonde e articolate, il francobollo può anche venire considerato e  giudicato sotto il semplice profilo estetico, alla stregua cioè di un’incisione o di una stampa più o meno d’arte. Una lettura del genere non terrà in alcun conto la sua ricca (e praticamente infinita) serie di allusioni, simboli, riferimenti, né si preoccuperà di rilevare quello che è il suo significato primario: di essere un indicatore assai preciso di situazioni politiche e culturali. Ma un’interpretazione delle opere figurative maggiori, siano esse dipinti o sculture, architetture o incisioni, risulta parziale, quando venga condotta sotto il solo ed esclusivo aspetto formale (senza tenere cioè in alcun conto i connotati iconografici o iconologici, e gli aspetti socio-culturali) risultandone una successione di testi figurativi avulsi dalla realtà storica e legati tra di loro da una astratta rete di rapporti di stile e di evoluzione delle forme; così la lettura del francobollo, se condotta in modo unilaterale sotto l’esclusivo aspetto grafico, rimane sorda e cieca ai suoi connotati più validi e significativi. In realtà, il francobollo è oggi il mezzo figurativo più stringato e concentrato di propaganda, quasi un manifesto murale ridotto ai minimi termini, dal quale il substrato sociale e politico si rivela con estrema chiarezza e pregnanza. Ed è anche il mezzo figurativo di propaganda più capillarmente diffuso, sia nei diversi strati della società, cioè a livello locale, sia, in senso orizzontale, per i suoi destinatari situati in un sistema terminale che ignora distanze e frontiere. 

    Il valore facciale è:

    1. Il prezzo convenzionale unico
    2. Il prezzo di acquisto del francobollo
    3. Il costo di produzione del francobollo
    4. Il costo effettivo del servizio postale
    5. Il costo del trasporto
  2. Mettere in ordine cronologico di nascita i seguenti musicisti: 1) Wolfgang Amedeus Mozart 2) Johann Sebastian Bach 3) Claudio Monteverdi 4) Ottorino Respighi 5) Giuseppe Verdi

    1. 2, 1, 3, 5, 4
    2. 2, 3, 1, 4, 5
    3. 3, 1, 2, 4, 5
    4. 3, 2, 1, 5, 4
    5. 1, 3, 2, 5, 4
  3. Abbinare il film al periodo storico a cui si riferisce 1) Il patriota a. Resistenza al nazifascismo 2) Braveheart b. Guerra nel Vietnam 3) Roma città aperta c. Guerra d'Indipendenza Americana 4) Good bye Len

    1. 3-a, 5-c, 1-e, 2-b, 4-d
    2. 5-b, 2-e, 4-a, 3-d, 1-c
    3. 3-a, 5-b, 2-e, 4-d, 1-c
    4. 1-a, 4-b, 3-d, 5-c, 2-e
    5. 2-e, 1-b, 4-a, 3-d, 5-c
  4. Quale di queste affermazioni non è corretta:

    1. "La città del sole" è un'opera di Tommaso Campanella
    2. "Essere e tempo" è un'opera di Martin Heidegger
    3. "Utopia" è un'opera di Tommaso Moro (Thomas More)
    4. L'espressione "Panta Rei" si deve al filosofo Eraclito
    5. L'espressione "Homo homini lupus" si deve a Karl Marx
  5. Quale dei seguenti significati è proprio del termine "domotica"?

    1. Studio della storia della cultura materiale relativa alle abitazioni
    2. Scienza applicata che studia macchine, strumenti e ambienti di lavoro per renderli massimamente funzionali
    3. Scienza applicata alle tecniche costruttive
    4. Studio e applicazione delle tecnologie per migliorare la qualità della vita negli ambienti antropizzati
    5. Studio delle misurazioni compiute con il domografo
  6. Averroè, nome deformato dai copisti occidentali di Aven Rushd, vissuto nel XII secolo, era:

    1. Uno scienziato
    2. Un condottiero
    3. Un architetto
    4. Un astrologo
    5. Un filosofo
  7. La "posizione storica" del francobollo indica: (vedi domanda n.1)

    1. I suoi elementi figurativi e culturali
    2. La durata della sua validità
    3. Il territorio per cui è valido
    4. L'ente emittente
    5. L'anno di emissione
  8. Brano I
    Il linguaggio architettonico
    Parto dal presupposto di una conoscenza generale dell'argomento: per esempio, che si sappia che la cattedrale di St Paul a Londra è un edificio classico, mentre l'abbazia di Westminster non lo è; che il British Museum è un edificio classico, mentre il Natural History Museum a South Kensington non lo è; che tutti gli edifici intorno a Trafalgar Square, cioè la National Gallery, la chiesa di St Martin-in-the-Fields, la Canada House e anche South Africa House sono classici; che tutti gli edifici pubblici nella Whitehall sono classici, ma che non lo è il palazzo del parlamento. Si tratta di distinzioni elementari, tanto che sulle prime mi si potrebbe accusare di perdere tempo in cose scontate. Quand'è che un edificio classico non è tale? E ciò ha davvero importanza? Le principali caratteristiche architettoniche non hanno forse un rilievo maggiore e non sono forse indipendenti da una simile terminologia stilistica? Certamente. Tuttavia non mi è possibile giungere a quanto intendo dire in queste conversazioni senza isolare subito da tutti gli altri quegli edifici che, prima facie, sono classici. Tratterò dell'architettura come linguaggio e mi limiterò per il momento a presumere che il mio pubblico riconoscerà il latino dell'architettura quando se lo troverà di fronte. Il latino dell'architettura: ecco ciò che mi induce a un altro presupposto di carattere generale. L'architettura classica affonda le sue radici nell'antichità, nel mondo greco e in quello romano, nell'architettura dei templi del mondo greco e nell'architettura religiosa, militare e civile dei romani. Ma questa serie di conversazioni non è destinata all'architettura greca e romana, non è destinata allo sviluppo e all'elaborazione del linguaggio classico dell'architettura, ma verte sulla natura e il suo uso: il suo uso come linguaggio architettonico comune, ereditato da Roma, da parte di quasi tutto il mondo civile nei cinque secoli che intercorrono fra il Rinascimento e l'epoca attuale. Dunque, d'ora in poi potremo essere più precisi. Consideriamo il termine "classico" applicato all'architettura. È un errore cercare di definire il classicismo. Esso assume ogni sorta di significati utili in contesti differenti e io propongo di considerarne soltanto due che saranno entrambi utili nel corso di queste conversazioni. Il primo significato è il più evidente. Un edificio classico è quello i cui elementi decorativi derivano direttamente o indirettamente dal vocabolario architettonico del mondo antico: il mondo "classico", come è spesso chiamato. Questi elementi sono facilmente identificabili: per esempio, le colonne di cinque tipi determinati, usate in determinati modi; modi determinati di trattare porte e finestre e le estremità del frontone, e determinati tipi di modanature applicabili a tutte queste cose. Benché spesso si prescinda da questi "elementi determinati", essi sono ancora riconoscibili come tali in ogni parte di tutti gli edifici che possono essere considerati classici in questo senso. Quanto precede costituisce, mi sembra, una schematizzazione esatta, benché superficiale, di ciò che è l'architettura classica; essa consente di riconoscere l'"uniforme" indossata da una certa categoria di edifici, la categoria che chiamiamo classica. Ma non dice nulla sugli elementi essenziali del classicismo in architettura. A questo punto, tuttavia, dobbiamo procedere piuttosto cautamente. Dire "elementi essenziali" è molto vago e, documentandosi, si scopre spesso che essi non esistono. Ciò nondimeno, la storia dell'architettura classica è costellata da una serie di giudizi sugli elementi essenziali dell'architettura, e tali giudizi sono concordi per un lungo periodo di tempo, al punto che possiamo affermare che lo scopo dell'architettura classica è stato sempre quello di ottenere un'armonia delle parti suscettibile di dimostrazione. Si è sempre ritenuto che questa armonia fosse propria degli edifici dell'antichità e fosse in gran parte "incorporata" negli elementi principali antichi, particolarmente nei cinque "ordini" di cui ora parleremo. Ma tale armonia è stata anche teorizzata da una serie di trattatisti, i quali hanno dimostrato che in una costruzione si raggiunge un'armonia analoga a quella musicale mediante la proporzione, garantendo cioè che i rapporti di un edificio abbiano soltanto funzioni aritmetiche e che i rapporti di tutte le sue parti siano quei rapporti stessi o si ricolleghino ad essi in modo diretto. Molte pretenziose inesattezze sono state scritte sulla proporzione e non intendo soffermarmici. Il concetto rinascimentale di proporzione è molto semplice. Scopo della proporzione è di ottenere l'armonia attraverso una struttura: un'armonia resa intelligibile mediante l'uso manifesto di uno o più ordini come componente dominante, oppure soltanto mediante l'uso di dimensioni che implicano la replica di semplici rapporti. Questo è sufficiente per consentirci di proseguire. Vi è tuttavia un punto, in questa teorizzazione di ciò che è classico, che costituisce un problema. È possibile, ci si può chiedere, che un edificio non presenti alcuna delle caratteristiche proprie dell'architettura classica, eppure si qualifichi come edificio "classico" soltanto in virtù della proporzione? Ritengo che la risposta debba essere negativa. Si può dire, descrivendo un edificio simile, che le sue proporzioni sono classiche, ma sostenere che è classico non farebbe che disorientare e costituirebbe un abuso di terminologia.

    Un edificio classico: (vedi Brano I)

    1. Non si distingue esteriormente dagli altri
    2. Ha dimensioni contenute
    3. È riconoscibile facilmente a prima vista
    4. È elementare
    5. Presenta caratteri ereditati dal contesto
  9. Gli elementi decorativi dell'architettura classica: (vedi Brano I)

    1. Costituiscono la categoria dell'edificio
    2. Non esistono
    3. È un errore cercare di definirli
    4. Rappresentano lo scopo dell'edificio
    5. Non sono facilmente identificabili
  10. Il "latino" dell'architettura indica: (vedi Brano I)

    1. La patina di antichità vera o presunta
    2. Un linguaggio ereditato dal mondo classico
    3. Una struttura di difficile interpretazione
    4. La destinazione ad un suo uso ufficiale e pubblico
    5. Una particolare schematizzazione